La valutazione del rischio incendio: Prevenire per proteggere

Introduzione: Gli incendi rappresentano una minaccia significativa per la sicurezza delle persone, delle proprietà e dell'ambiente.

La valutazione del rischio incendio è un processo fondamentale per identificare e comprendere le possibili situazioni di pericolo e adottare misure preventive adeguate. In questo articolo, esploreremo l'importanza della valutazione del rischio incendio e come essa contribuisce a proteggere vite umane e beni materiali.

1. Cosa è la valutazione del rischio incendio? La valutazione del rischio incendio è un'analisi sistematica delle potenziali fonti di incendio, delle vulnerabilità e delle conseguenze che potrebbero derivare in caso di incendio. Questo processo coinvolge l'identificazione dei materiali infiammabili o pericolosi presenti nell'ambiente, la valutazione delle misure di prevenzione già adottate e l'individuazione di eventuali punti deboli nella sicurezza antincendio.
2. Importanza della valutazione del rischio incendio: La valutazione del rischio incendio è cruciale per una serie di motivi: a. Protezione delle vite umane: La sicurezza delle persone è la priorità principale. Con una valutazione accurata del rischio, è possibile adottare misure preventive mirate per minimizzare le possibilità di incendi e massimizzare le probabilità di evacuazione sicura in caso di emergenza.
b. Salvaguardia delle proprietà: Gli incendi possono causare danni ingenti alle strutture e alle proprietà. La valutazione del rischio incendio aiuta a individuare le aree a maggior rischio e a implementare misure di protezione e prevenzione per ridurre i danni materiali.
c. Protezione dell'ambiente: Gli incendi possono avere un impatto devastante sull'ambiente, rilasciando sostanze tossiche nell'aria e nell'acqua. Mediante la valutazione del rischio, è possibile ridurre il potenziale impatto ambientale negativo.
3. Come si svolge la valutazione del rischio incendio: La valutazione del rischio incendio è un processo complesso che coinvolge diverse fasi:
a. Identificazione delle fonti di incendio: Si individuano tutte le possibili fonti di incendio presenti nell'area di interesse, come elettricità, gas, sostanze chimiche infiammabili e altro.
b. Valutazione delle vulnerabilità: Si analizzano le caratteristiche delle strutture, i sistemi di sicurezza antincendio esistenti e le procedure di evacuazione per identificare eventuali punti deboli.
c. Valutazione delle conseguenze: Si analizza l'impatto potenziale di un incendio, come il numero di persone coinvolte, i danni materiali e l'eventuale inquinamento ambientale.
d. Implementazione di misure preventive: Sulla base dell'analisi effettuata, vengono adottate misure preventive specifiche, come l'installazione di sistemi antincendio, l'addestramento del personale e la sensibilizzazione pubblica sulla sicurezza.
4. Aggiornamento periodico della valutazione del rischio incendio: La valutazione del rischio incendio non è un processo statico ma dinamico. È essenziale aggiornare periodicamente l'analisi per tener conto di cambiamenti nell'ambiente, nelle attività svolte e nelle normative di sicurezza. L'evoluzione tecnologica e le nuove conoscenze in materia di sicurezza dovrebbero essere considerate nel processo di aggiornamento.

Conclusioni: La valutazione del rischio incendio è un'attività critica per prevenire e gestire gli incendi in modo efficace. Investire nella sicurezza antincendio attraverso una valutazione adeguata può salvare vite umane, proteggere proprietà preziose e preservare l'ambiente. La collaborazione tra autorità, aziende, istituzioni e cittadini è fondamentale per creare un ambiente più sicuro e resiliente di fronte alla minaccia degli incendi.

I BENEFICI DELLA ISO 14001 E ISO 45001

La ISO 14001

La ISO 14001 è una norma internazionale ad adesione volontaria, applicabile a qualsiasi tipologia di Organizzazione pubblica o privata, che specifica i requisiti di un sistema di gestione ambientale.

Il sistema di gestione ambientale è caratterizzato dallo sviluppo e dall’attuazione della politica ambientale e dagli obiettivi che impegnino l’organizzazione alla piena conformità cogente (legislativa) e volontaria.

Il sistema di gestione ISO 14001 è integrabile con i principali sistemi di gestione aziendali, quali ISO 9001 e ISO 45001.

Perché certificarsi ISO 14001

Un sistema di gestione ambientale certificato consente:

1) Miglioramento dell'immagine e della reputazione aziendale per l’impegno profuso nella tutela dell’ambiente.

2) Possibilità di partecipare a bandi o gare pubbliche, ove richiesta tale certificazione.

3) Riduzione dei costi gestionali attraverso la razionalizzazione dell’uso delle materie prime, la riduzione di rifiuti ed emissioni e la diminuzione dei costi energetici.

4) Agevolazioni nelle procedure di finanziamento e semplificazioni burocratiche/amministrative, nonché riduzione dei premi assicurativi.

5) Attuazioni di modalità definite per la prevenzione dei reati ambientali.

La ISO 45001

La ISO 45001:2018 è lo standard internazionale di certificazione dei sistemi di gestione della salute e sicurezza sul lavoro. Nel 2012 l’ISO (International Organization of Standardization) ha stabilito che gli standard relativi ai sistemi di gestione debbano avere una struttura comune, denominata High Level Structure (HLS), applicabile ai nuovi standard ISO e alle future revisioni di standard esistenti.

Anch’essa è integrabile con i principali sistemi di gestione aziendali, quali ISO 9001 e ISO 14001, nonché con il Modello di Gestione Organizzazione e Controllo (D.Lgs. 231/2001) eventualmente adottato da un’organizzazione.

Perché certificarsi ISO 45001

La Certificazione ISO 45001 offre molti vantaggi alle aziende che decidono di ottenere la certificazione, alcuni di carattere gestionale e alcuni di carattere economico:

1) migliora l’immagine dell’azienda;

2) fornisce una maggiore probabilità di accedere alle gare di appalto;

3) sensibilizza il personale alla cultura della sicurezza e salute dei luoghi di lavoro;

4) migliora il clima aziendale;

5) diminuisce la probabilità di infortuni sul posto di lavoro e di malattie professionali

Oltre ai punti sopracitati si aggiunge:

6) l’opportunità finanziaria per le organizzazioni che investono in prevenzione sulla sicurezza, come quelle dotate di un sistema gestione sicurezza, di accedere a sgravi sul premio assicurativo INAIL e a finanziamenti messi a disposizione attraverso il Bando ISI INAIL.

7) In particolare, le tariffe di sconto sul premio INAIL prevedono una riduzione in misura variabile in relazione alle dimensioni dell’azienda, del 5% o 10%. Tale riduzione, congiunta con il meccanismo bonus - malus legato alla diminuzione degli incidenti, può determinare uno sconto complessivo del 35-40% in funzione dei diversi parametri. È importante precisare che tale sgravio risulta anche rinnovabile annualmente, in relazione non solo all’implementazione di un Sistema gestione sicurezza , ma anche al suo mantenimento. Per quanto riguarda il bando ISI INAIL, la presenza di un Sistema gestione sicurezza certificato rappresenta un requisito preferenziale per l’accesso ai contributi a fondo perduto per investimenti volti al miglioramento della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

8) Benefici assicurativi , anche i finanziatori di capitali e le società di assicurazioni si mostrano sempre più interessate ed attente alle aziende che dimostrano di tenere sotto controllo i propri rischi e questo a vantaggio di minori interessi sul capitale prestato e premi assicurativi più contenuti

SORVEGLIANZA PRESIDI ANTINCENDIO

Il DM 01.9.2021 , entrato in vigore in ottobre 2022 obbliga il datore di lavoro a svolgere attività di controllo e manutenzione delle attrezzature ed impianti di protezione antincendio in conformità a quanto previsto dalla normativa, eventualmente attraverso un modello dell’organizzazione o gestione di cui all’art. 30 del d.lgs. 81/2008.

Tali attività si dividono in :

1. attività di controllo e manutenzione periodica che deve essere svolta obbligatoriamente da personale qualificato con cadenza almeno semestrale.

2. attività di sorveglianza dei mezzi antincendio che devono essere svolte obbligatoriamente dal personale interno purché incaricato e preventivamente formato sulla sorveglianza degli stessi.

Premesso che le attività al punto 1 , perché cogenti , siano già soddisfatte da personale qualificato ci focalizzeremo ad interpretare cosa le legge obbliga al punto nr° 2 :

cosa si intende per sorveglianza: insieme di controlli visivi atti a verificare, nel tempo che intercorre tra due controlli periodici, che gli impianti, le attrezzature e gli altri sistemi di sicurezza antincendio siano nelle normali condizioni operative, siano correttamente fruibili e non presentino danni materiali evidenti. La sorveglianza puo' essere effettuata dai lavoratori normalmente presenti dopo aver ricevuto adeguate istruzioni

Da ciò se ne deduce che ogni datore di lavoro dovrà organizzare all’interno della propria azienda , con personale debitamente formato , un servizio di controllo degli apprestamenti antincendio , tali controlli dovranno essere opportunamente registrati.

Lo studio Ferroli Associati SAS di San Bonifacio , da 20 anni al servizio della sicurezza e prevenzione antincendi , offre la possibilità di verificare lo stato cogente della documentazione procedurale e documentale in vostro possesso.

AGENTI FISICI : RUMORE E VIBRAZIONE

Gli agenti fisici rumore e vibrazione sono due dei fattori ambientali che possono influenzare la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro. Ecco una panoramica su entrambi:

1. Rumore:
Il rumore è definito come un suono indesiderato o fastidioso che può avere un impatto negativo sulla salute e il benessere delle persone. In un ambiente di lavoro, il rumore eccessivo può causare danni all'udito, aumentare i livelli di stress, interferire con la comunicazione e persino avere effetti sulla salute mentale. Gli effetti negativi del rumore dipendono dall'intensità, dalla durata e dalla frequenza del suono. Per proteggere i lavoratori dai pericoli del rumore, sono necessarie misure preventive, come la fornitura di protezioni uditive (tappi per le orecchie, cuffie antirumore), il controllo del rumore all'origine e la valutazione dei livelli di esposizione.

2. Vibrazione:
Le vibrazioni sono oscillazioni meccaniche di un corpo che possono trasmettersi agli esseri umani attraverso il contatto diretto con macchinari o attrezzature in movimento. Le vibrazioni possono avere un impatto negativo sulla salute umana, in particolare se sono prolungate nel tempo. Esistono due tipi principali di vibrazioni sul luogo di lavoro:

· Vibrazione mano-braccio: Si verifica quando le mani e le braccia di un lavoratore sono esposte a vibrazioni tramite attrezzature manuali come trapani, martelli pneumatici, ecc. L'esposizione prolungata può causare problemi alle mani e alle braccia, noti come sindrome delle vibrazioni mano-braccio.
· Vibrazione corpo intero: Si verifica quando un lavoratore è esposto a vibrazioni trasmesse al corpo intero attraverso veicoli o attrezzature come veicoli industriali o mezzi pesanti. Le vibrazioni a tutto il corpo possono causare problemi alla colonna vertebrale e ad altre parti del corpo.
Per gestire il rischio legato alle vibrazioni, le aziende devono condurre valutazioni del rischio, fornire attrezzature anti-vibrazione, adottare misure preventive e offrire formazione per proteggere la salute dei lavoratori.

Più specificatamente, l’art. 190 e art. 202del D.lgs. 81/2008 impone al Datore di Lavoro l’obbligo di effettuare la valutazione del rischio rumore e vibrazioni all’interno della propria azienda, al fine di individuare i lavoratori esposti al rischio rumore_ Vibrazione ed attuare adeguati interventi di prevenzione e protezione per la salute e sicurezza.

Rischio dell'Amianto: Un'Analisi Approfondita sulla Minaccia Nascosta

L'amianto, una volta considerato un materiale miracoloso per le sue proprietà isolanti e ignifughe, è oggi noto principalmente come una minaccia per la salute umana. Questo minerale fibroso è stato ampiamente utilizzato in vari settori industriali e edilizi nel corso del XX secolo. Tuttavia, la sua pericolosità è emersa solo successivamente, portando a una crescente preoccupazione per la sicurezza sul posto di lavoro e la salute pubblica.
La minaccia più grave legata all'amianto è rappresentata dalle fibre microscopiche che possono essere rilasciate nell'aria durante la manipolazione o la demolizione di materiali contenenti questo minerale. Queste fibre possono essere inalate e, una volta nei polmoni, possono causare gravi problemi di salute .
Le malattie correlate all'amianto includono l'asbestosi, una malattia polmonare cronica, e il mesotelioma, un raro ma letale tipo di cancro che colpisce i tessuti che rivestono i polmoni e altri organi interni.
Data la pericolosità dell'amianto, molte nazioni hanno introdotto legislazioni e normative rigorose per regolamentarne l'uso e minimizzarne il rischio per la salute pubblica. Ciò include regolamentazioni sulla gestione sicura dell'amianto in ambienti industriali e durante le operazioni di rimozione o demolizione di edifici contenenti questo materiale.
La gestione responsabile dell'amianto è fondamentale per proteggere i lavoratori e il pubblico in generale. Ciò implica l'identificazione e la valutazione dei materiali contenenti amianto, la formazione adeguata dei lavoratori che possono essere esposti e l'implementazione di procedure sicure per la manipolazione, la rimozione e lo smaltimento dell'amianto.

Conclusioni

In sintesi, mentre l'amianto ha svolto un ruolo significativo in molte industrie, è cruciale affrontare il rischio associato a questo minerale.
La consapevolezza, la formazione e la conformità alle normative sono fondamentali per proteggere la salute dei lavoratori e del pubblico. Inoltre, la ricerca di alternative sicure dovrebbe essere incoraggiata per garantire uno sviluppo sostenibile e la mitigazione dei rischi a lungo termine.
Solo con un approccio integrato e responsabile possiamo affrontare la minaccia nascosta dell'amianto e proteggere le generazioni future dalla sua pericolosità.

Il modello OT 23 per la riduzione del tasso medio INAIL di prevenzione

Che cos’è il modello OT23
Il Modello OT23 è il modulo di richiesta del tasso medio di prevenzione da usare per usufruire della riduzione della tariffa per le aziende che abbiano effettuato interventi, in aggiunta a quelli previsti dalla normativa di legge, per il miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Per accedere alla riduzione, l’azienda deve presentare un’apposita istanza esclusivamente in via telematica, con la documentazione probante richiesta dall’Istituto, attraverso la sezione servizi online presente sul sito istituzionale dell’INAIL, che per quest’anno è fissata entro il 29 febbraio 2024.
Quali sono gli interventi migliorativi per cui è possibile richiedere la prevenzione
L’Inail predefinisce gli interventi che sono considerati validi ai fini della concessione del beneficio in ragione della loro valenza prevenzionale. I possibili interventi realizzati nel corso del 2023, per poter ottenere del beneficio per l’anno 2024, possono riguardare le seguenti sezioni:
A: prevenzione degli infortuni mortali (non stradali), che include i rischi ambienti confinati e/o sospetti di inquinamento, caduta dall’alto, elettrico, punture di insetto e la sicurezza di macchine e trattori;
B: prevenzione del rischio stradale;
C: prevenzione delle malattie professionali, che include i rischi rumore, sostanze chimiche, radon, disturbi muscolo-scheletrici, microclima e la promozione della salute;
D: formazione, addestramento e informazione;
E: gestione della salute e sicurezza: misure organizzative;
F: gestione delle emergenze e DPI.
Gli interventi migliorativi possono essere realizzati su una o più PAT dell’azienda.


Come si assegna il punteggio per poter ottenere la prevenzione
Ad ogni intervento è attribuito un punteggio. Per poter accedere alla riduzione del tasso medio per prevenzione è necessario aver effettuato interventi tali che la somma dei loro punteggi sia pari almeno a 100. Per alcuni interventi, la normativa prevede la possibilità di un bonus di 10 punti che si aggiunge a quello indicato sul modulo, applicabile alle PAT classificate secondo i riferimenti tariffari indicati nel modulo stesso. Se all’interno di una PAT sono presenti più voci, appartenenti a diversi settori produttivi, prevale il settore produttivo a cui è assegnato un punteggio maggiore. Qualora l’azienda abbia effettuato gli interventi solo su singole posizioni assicurative, il punteggio è calcolato per ciascuna PAT e, quindi, per ogni PAT è necessario aver effettuato interventi tali che la somma dei loro punteggi sia pari almeno a 100.

Quali sono le agevolazioni in concreto
L’agevolazione consiste in una riduzione percentuale del tasso applicato e quindi delle somme versate annualmente all’INAIL. L’agevolazione è variabile in proporzione alla dimensione aziendale (più grande è l’azienda minore è lo sconto percentuale ma maggiore sarà probabilmente lo sconto in valore assoluto) Le percentuali di riduzione previste sono:
lavoratori-anno riduzione
fino a 10 28%
da 11 a 50 18%
da 51 a 200 10%
oltre 200 5%


Lo Studio Ferroli Associati SAS, grazie alla sua più che ventennale esperienza, può dare consulenza e supporto alle aziende che intendono operare sistematicamente ed in modo efficiente per ottenere i benefici previsti dalla legge, offrendo questi servizi:
• redazione ed invio del modello OT23;
• realizzazione e mantenimento dei sistemi di gestione basati sulla norma UNI ISO 45001 o sulle linee guide UNI INAIL ISPESL e parti sociali, i quali permettono nello specifico di poter accedere ogni anno alle suddette agevolazioni.
Se interessati, il nostro ufficio è a vs disposizione per ricevere maggiori informazioni o darvi il necessario supporto in merito.

Check up normativo ambientale D.lgs 152/06 e sicurezza D.lgs 81/01

Il controllo normativo ambientale e di sicurezza si riferisce al monitoraggio e all'implementazione delle normative e regolamenti relativi alla protezione dell'ambiente e alla sicurezza sul luogo di lavoro. Questi controlli sono cruciali per garantire che le organizzazioni rispettino le leggi ambientali e di sicurezza applicabili e minimizzino l'impatto negativo sulle persone e sull'ambiente.
Si riportano alcune delle principali aree di controllo normativo ambientale e di sicurezza:

Normative Ambientali:

• Emissioni Atmosferiche: Monitoraggio e controllo delle emissioni di gas inquinanti nell'atmosfera.
• Scarichi Idrici: Gestione delle acque reflue e rispetto dei limiti di scarico.
• Gestione dei Rifiuti: Raccolta, smaltimento e riciclaggio corretto dei rifiuti.
• Conservazione della Biodiversità: Rispetto delle normative per la tutela della flora e della fauna.

Normative di Sicurezza:

• Sicurezza sul Lavoro: Implementazione di misure per prevenire infortuni sul luogo di lavoro.
• Gestione dei Rischi: Identificazione e gestione dei rischi legati alle attività dell'organizzazione.
• Formazione del Personale: Assicurarsi che il personale sia adeguatamente formato per affrontare situazioni di emergenza.

Monitoraggio Continuo:

• Ispezioni Regolari: Ispezioni periodiche per verificare la conformità alle normative.
• Rapporti e Registrazioni: Mantenimento di registri dettagliati per dimostrare la conformità normativa.

Aggiornamenti Normativi:

• Adattamento alle Modifiche Normative: Assicurarsi che l'organizzazione sia consapevole e si adegui a eventuali modifiche nelle normative ambientali e di sicurezza.

Risposta a Emergenze:

• Piani di Emergenza: Sviluppo e implementazione di piani per affrontare situazioni di emergenza, come incidenti ambientali o infortuni sul lavoro.

La conformità a queste normative non solo aiuta a evitare sanzioni legali, ma contribuisce anche a creare un ambiente di lavoro sicuro e sostenibile. Le autorità competenti possono condurre ispezioni periodiche per verificare la conformità, quindi è importante che le organizzazioni mantengano un impegno costante nel rispettare tali normative.

Il "piano di viabilità per l'area di carico e scarico"

Il "piano di viabilità per l'area di carico e scarico" è un documento progettato per gestire e ottimizzare il movimento dei veicoli durante le operazioni di carico e scarico in un'area specifica. Questa area è spesso situata in prossimità di strutture commerciali, aziende industriali o centri logistici.
Il piano mira a garantire un flusso efficiente del traffico, massimizzare l'utilizzo dello spazio e migliorare la sicurezza durante queste operazioni.
Ecco alcuni elementi che potrebbero essere inclusi in un piano
di viabilità per l'area di carico e scarico:

1. Organizzazione degli Spazi: Definizione chiara delle zone destinate al carico e scarico, dei percorsi di accesso e delle aree di manovra per i veicoli. Questo può coinvolgere la segnaletica orizzontale e verticale.
2. Flusso del Traffico: Indicazione chiara dei percorsi che i veicoli devono seguire durante le operazioni di carico e scarico. Ciò include la definizione di percorsi di entrata e uscita, evitando eventuali incroci o ostacoli.
3. Segnaletica: Utilizzo di segnaletica adeguata per guidare i conducenti attraverso l'area. Questa può includere segnali di stop, indicazioni di direzione, e segnali specifici per le operazioni di carico e scarico.
4. Orari di Funzionamento: Specifica degli orari in cui le operazioni di carico e scarico possono avvenire per evitare congestioni o interferenze con altre attività aziendali o circostanti.
5. Sicurezza: Implementazione di misure di sicurezza per prevenire incidenti durante le operazioni di carico e scarico. Questo può includere la creazione di zone pedonali sicure, segnalazione di punti ciechi e istruzioni per la movimentazione sicura di merci.
6. Coordinamento con Fornitori e Trasportatori: Collaborazione con fornitori, trasportatori e altri stakeholder per garantire una corretta esecuzione del piano e una comunicazione efficace.

Un piano di viabilità per l'area di carico e scarico è fondamentale per migliorare l'efficienza operativa, ridurre i tempi di attesa, prevenire congestionamenti e garantire un ambiente di lavoro sicuro.

Il rischio cancerogeno nelle saldature

Il rischio cancerogeno nelle saldature è associato all'esposizione a sostanze chimiche e agenti fisici presenti durante il processo di saldatura. Questi rischi possono variare a seconda del tipo di saldatura, dei materiali utilizzati e delle condizioni in cui avviene il lavoro. Alcuni dei principali fattori di rischio cancerogeno nelle saldature includono:

1. Fumi di Saldatura: Durante il processo di saldatura, si generano fumi che contengono particelle metalliche sottili e composti volatili. Alcuni di questi composti, come il biossido di manganese e il cromo esavalente, sono considerati cancerogeni per l'uomo. L'esposizione prolungata a tali fumi senza adeguate misure di protezione può aumentare il rischio di sviluppare malattie polmonari e aumentare il rischio di cancro.
2. Gas di Saldatura: L'uso di gas di protezione durante la saldatura può comportare l'emissione di gas potenzialmente nocivi. Ad esempio, il gas di saldatura a base di cloro può formare composti organoclorurati, alcuni dei quali sono classificati come cancerogeni.
3. Metallo di Riporto: I materiali di riporto utilizzati nella saldatura possono contenere metalli pesanti, come il nichel e il cromo, che sono associati a un aumento del rischio di cancro.
4. Radiazioni Ultraviolette e Infrarosse: Le radiazioni emesse durante la saldatura possono includere radiazioni ultraviolette e infrarosse. L'esposizione prolungata a tali radiazioni può aumentare il rischio di danni cutanei, inclusi il cancro della pelle.

Misure di Prevenzione: Per ridurre il rischio cancerogeno nelle attività di saldatura, è essenziale adottare adeguate misure di prevenzione, tra cui:

1. Ventilazione Adeguata: Utilizzare sistemi di ventilazione efficaci per catturare e rimuovere i fumi di saldatura dall'area di lavoro.
2. Protezione Individuale: Indossare dispositivi di protezione individuale (DPI) appropriati, come maschere respiratorie adatte per proteggere dalle polveri e dai fumi.
3. Formazione e Informazione: Fornire formazione ai lavoratori sulle pratiche sicure di saldatura, sull'uso corretto dei DPI e sulla consapevolezza dei rischi.
4. Controllo delle Emissioni: Utilizzare processi di saldatura a basso rischio e adottare tecniche che riducano la produzione di fumi nocivi.
5. Monitoraggio Ambientale: Condurre monitoraggi ambientali regolari per valutare i livelli di esposizione e apportare eventuali miglioramenti alle misure di controllo.

In generale, è fondamentale che i datori di lavoro e i lavoratori cooperino attivamente nell'implementare e seguire le misure di sicurezza per ridurre il rischio cancerogeno nelle operazioni di saldatura

Studio Ferroli Associati s.a.s.
Tel. +39 045 6183167
amministrazione@studioferroli.it
Reg. Imprese di VR R.E.A. 325199
C.F. e P.IVA 03300150236
Accesso Quase online
Accesso Quase fgas